Josef Mengele soprannominato “l’angelo della morte”, è stato il medico nazista che utilizzò i prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz per i propri esperimenti. Le sue cavie erano i bambini dai quali si faceva chiamare “zio”.  Nelle SS dal 1938, nel 1943 arriva ad Auschwitz dove, senza seguire alcuna metodologia scientifica, sottopone i prigionieri selezionati a terribili torture. Nel 1949 Mengele si trasferisce in Argentina. Il Mossad, lo cerca e non riesce a trovarlo. Vive gli ultimi trentanni della sua vita nel Sud America.