Questo il titolo dell’ iniziativa “di strada” in un luogo difficile e simbolico della Città Metropolitana, il quartiere di Arghillà Nord. La manifestazione voluta e organizzata dall’Associazione Nazionale Magistrati Sezione di Reggio Calabria con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Reggio Calabria, Casa Eutopia, Actionaid, Parco Ecolandia, Centro Sportivo Italiano, Civita, Coordinamento di Quartiere Arghillà, Coordinamento Ambiente Reggio Calabria e Libera. Un momento di aggregazione sociale per far fronte comune contro la criminalità nel ricordo dei giudici Falcone e Borsellino. Intervenuti ai nostri microfoni la presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati sezione di Reggio Calabria dott.ssa Natina Praticò  , il giudice Stefano Musolino il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.

Al centro della piazza “Don italo Calabrò” è stato allestito un vero e proprio “villaggio associativo” al fine di dare un chiaro segnale che le associazioni sono parte integrante del progetto di riqualificazione che l’amministrazione Falcomatà sta portando avanti sul quartiere di Modenelle ad Arghillà Nord. Un cammino lungo e certosino.  Ad oggi, infatti, sono stati spesi circa 120.000 € per interventi di bonifica e di ripristino della corrente elettrica e della reta fognaria, dichiara Falcomatà che saranno, inoltre, stanziati altri 420.000€, con i Patti per il Sud, per la creazione di campetti in play Ground di tennis, basket, calcetto. La mission è dunque quella di far sì che non ci sia un quartiere ghetto o dormitorio ma bensì che il messaggio, lasciatoci in eridità da Don Italo Calabro, “Nessuno escluso mai”, diventi concreto.

Di seguito il video-servizio della manifestazione