Il 14 maggio a Monasterace in scena il grande spettacolo di “Lancillotto”

0
605

E’ stato presentato stamane nella Pinacoteca Comunale lo spettacolo “Lancillotto – L’amore tutto trasforma”. Il musical sarà prodotto in ‘Prima’ assoluta il prossimo 14 maggio a Monasterace (RC) in piazza Celestino Placanica, alle ore 21:30.

Un evento, fortemente voluto dalla Curia Generale dei Chierici Regolari Teatini di Roma, prodotto dall’ associazione culturale ‘Calliope’ di Monasterace.

Alla conferenza stampa, moderata da Francesco Scopelliti, sono intervenuti il Presidente del consiglio comunale di Monasterace Andrea Marino,  il responsabile dei Chierici Regolari Teatini per la Calabria M° Christian Gara, il direttore dell’Orchestra reggina “Pop Ensamble Euterpe” M° Giuseppe Maira, il compositore M° Alessandro Bagnato. Un Musical che racconta la vita di Sant’Andrea d’Avellino: una storia d’amore e santità, che sarà realizzata con il prezioso contributo di Alessandro e Claudio Bagnato, e con la collaborazione del Complesso Bandistico Euterpe di Reggio Calabria, del Coro San Michele Arcangelo di Caulonia e dell’Accademia di Ballo Han Dance Center di Reggio Calabria.

“Lancillotto, l’amore tutto trasforma” è la rappresentazione in due atti, di un percorso di santità, quella della vita di un uomo che con le sue dinamiche di relazione ripropone i temi fondamentali dell’amore, dell’amicizia della fede e del perdono ed evidenzia, contemporaneamente, problematiche quali il vizio, ossessione, calamità naturali che rispondono ad attualità, oltre che al gusto di una nuova riscoperta culturale del mondo storico. Il soggetto di questo appassionante lavoro è stato realizzato da Vincenzo Cosenza.

Perché Sant’Andrea? E perché un muscial su Sant’Andrea? Le risposte sono semplici. Primo: la trasparenza dei valori simbolici contenuti nei singoli momenti dell’episodio agiografico della vita del Santo ci hanno indotto ad una drammatizzazione della storia facendola sviluppare in una chiave teatrale che fosse di facile lettura. Secondo: la vicenda si presta molto ad essere spettacolarizzata. Terzo: potrebbe sembrare una battuta retorica, ma la storia di Sant’Andrea è molto moderna.

Questo sapiente dosaggio di ironia e commozione, leggerezza e drammaticità, fa di quest’opera un evento di grande rilievo poiché alla storia già di per sé suggestiva ed avvincente si uniscono l’emozione coinvolgente del teatro e della musica.

In un grande impianto lirico-rock con temi dal sapore epico particolarmente ispirati, situazioni, ambienti e personaggi saranno efficacemente evocati dalle musiche di Alessandro Bagnato e Christian Gara, che hanno il pregio di suscitare vibranti atmosfere; i testi riadattati per un impianto musicale/teatrale di Claudio Bagnato, dallo stile brillante e scorrevole, sapranno disegnare personaggi all’occorrenza con grande divertimento, o evidenziare la statura morale e il mondo interiore.

Monasterace sarà la prima tappa di un notevole e impegnativo tour nazionale, che vedrà in calendario – oltre che il prestigioso ‘teatro cittadino’ CatonaTeatro – città importanti come Avellino, Napoli e Roma. Inoltre l’invito a teatro nel mese di ottobre sarà esteso a tutte le scuole della provincia di Reggio Calabria.

LEAVE A REPLY